Questo sito usa cookie per fornirti un'esperienza migliore. Proseguendo la navigazione accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra OK

Cittadinanza

 

Cittadinanza

Cittadinanza

SPORTELLO UNICO 1 e 2 RICEVONO PER APPUNTAMENTO

Per prendere un appuntamento clicca qua sotto

prenota online bruxelles

Numeri di telefono diretti : 02/543.15.69 - 02/543.15.70 - 02/543.15.57

Indirizzo di posta elettronica : cittadinanza.bruxelles@esteri.it

 

Procedure per presentare istanza di acquisto della

CITTADINANZA ITALIANA da parte di CONIUGI DI CITTADINI ITALIANI

Ai sensi dell’art. 5 della legge n. 91 del 5/2/1992 (e successive modifiche), il coniuge di cittadino italiano può presentare istanza per la concessione della cittadinanza italiana dopo tre anni dalla data del matrimonio (se residente all’estero) oppure dopo tre anni dalla data di acquisto o riacquisto della cittadinanza italiana (da parte del coniuge italiano).
Questi termini sono ridotti della metà (ossia 18 mesi) in presenza di figli nati o adottati dai coniugi.

Il termine per la definizione del procedimento di acquisto della cittadinanza italiana, secondo quanto previsto dall’art. 14 del DL 113/2018, è di 48 mesi dalla data di accettazione definitiva della domanda.

Ai sensi della vigente normativa, al momento dell’adozione del provvedimento di conferimento della cittadinanza italiana non deve essere intervenuto scioglimento, annullamento o cessazione degli effetti civili del matrimonio e non deve sussistere la separazione personale dei coniugi.

Dal 1° agosto 2015 la domanda di cittadinanza deve essere inoltrata attraverso una procedura informatica messa a punto dal MINISTERO DELL’INTERNO - dipartimento per le Libertà civili e l’Immigrazione - direzione centrale per i Diritti civili, la Cittadinanza e le Minoranze.

Potranno presentare la domanda a questa Cancelleria Consolare soltanto i coniugi stranieri titolari di un valido permesso di soggiorno belga, oppure coloro che per comprovati motivi risiedano temporaneamente in questa Circoscrizione Consolare.

E’ indispensabile che l'atto di matrimonio dei coniugi sia stato trascritto nei registri di stato civile del Comune italiano. E’ pertanto consigliabile, prima di presentare la domanda, chiedere in Italia una copia integrale dell’atto di matrimonio.

ATTENZIONE: i certificati da allegare alla domanda hanno una validità di 6 mesi dalla data del rilascio, escluso l’atto di nascita che ha validità illimitata.

PRIMA DI INVIARE LA DOMANDA ON-LINE è consigliabile fissare un appuntamento con l’Ufficio Stato Civile / Cittadinanza per verificare l’esattezza della documentazione e per la legalizzazione delle traduzioni effettuate in Belgio da un traduttore giurato (elenco presso questa Cancelleria) al fine di evitare l’eventualità di dover successivamente provvedere alla presentazione di documentazione integrativa.

Per prenotare l’appuntamento: inviare una mail a conbrux.mail@esteri.it; oppure direttamente sul sito www.ambbruxelles.esteri.it cliccare sulla voce “SERVIZI CONSOLARI”, poi sulla voce “PER PRENDERE APPUNTAMENTO PER I SERVIZI CONSOLARI”; oppure telefonare al CENTRALINO 02/5431550: in caso di segreteria telefonica premere tasto zero per parlare con l’operatore che darà l’appuntamento.

PROCEDURA DA SEGUIRE DOPO LE PREDETTE VERIFICHE

 1 - registrarsi sul portale https://cittadinanza.dlci.interno.it;

 2 - compilare la domanda (modello AE) utilizzando le credenziali d’accesso ricevute;

 Attenzione: nel modello (AE) di domanda vanno inseriti COGNOME-NOME-DATA E LUOGO DI NASCITA cosi’ come indicati nell’atto di nascita. Le donne devono inserire il cognome da nubile SALVO se sull’atto di nascita è stato annotato il nuovo cognome assunto dopo il matrimonio.

Si raccomanda di verificare che i dati anagrafici presenti su tutti i documenti siano concordanti e che vi sia l’esatta indicazione del Comune di nascita. ATTENZIONE : se luogo e data di nascita indicati nel modello di domanda (AE) risulteranno errati la domanda verrà rifiutata e occorrerà iniziare una nuova procedura

Documentazione da allegare alla domanda

1) Requisiti linguistici.

La legge di conversione (in vigore dal 4 dicembre 2018) ha introdotto l'art. 9.1 alla legge 5 febbraio 1992, n. 91. Detta disposizione prevede, quale condizione per il riconoscimento della cittadinanza ai sensi degli artt. 5 e 9 della suddetta legge, il possesso di un'adeguata conoscenza della lingua italiana, non inferiore al livello B1 del Quadro comune di riferimento per la conoscenza delle lingue. L'accertamento di detto requisito va effettuato attraverso l'acquisizione di:

- Un titolo di studio rilasciato da un istituto di istruzione pubblico o paritario; ovvero

- Una certificazione rilasciata da un ente certificatore.

Al momento possono considerarsi sicuramente enti certificatori, appartenenti al sistema di certificazione unificato CLIQ (Certificazione Lingua Italiana di Qualita'):

- L'Universita' per stranieri di Siena

- L'Universita' per stranieri di Perugia

- L'Universita' Roma Tre

- La Societa' Dante Alighieri

Potranno, pertanto, essere considerate valide ai sensi della norma citata le certificazioni di livello non inferiore a B1 rilasciate dai suddetti enti, eventualmente in regime di collaborazione con i locali Istituti italiani di cultura. 

2) atto di nascita integrale, completo delle generalità dei genitori, legalizzato*e tradotto in lingua italiana. La legalizzazione NON VIENE RICHIESTA per i documenti rilasciati da un Paese Europeo firmatario della Convenzione di Bruxelles del 25/05/1987;

3) certificato penale del paese di nascita e di tutti i Paesi terzi di residenza (tranne l’Italia) legalizzati*e tradotti in lingua italiana. La legalizzazione NON VIENE RICHIESTA per i certificati rilasciati in un Paese Europeo firmatario della Convenzione di Bruxelles del 25/05/1987; il certificato penale del Paese di nascita va presentato anche laddove il richiedente non vi abbia risieduto.

4) certificato penale belga da richiedere al Comune Belga di residenza (senza legalizzazione, ma con traduzione in lingua italiana effettuata da un traduttore ripreso nella lista presente sul sito della Cancelleria Consolare);

5) stato di famiglia rilasciato dal comune belga di residenza (senza legalizzazione, ma con traduzione in lingua italianaeffettuatada un traduttore ripreso nella lista presente sul sito della Cancelleria Consolare);

6) atto di matrimonio integrale ITALIANO da richiedere al Comune italiano presso il quale è stato trascritto;

7) fotocopia del passaporto in corso di validità contenente le pagine con i dati personali, la fotografia, la data di rilascio e di scadenza;

8) fotocopia della carta belga di soggiorno;

9) ricevuta del pagamento del contributo di euro 250,00 previsto dal dl 113/2018, a favore del Ministero dell’Interno da effettuare sul conto corrente postale intestato a "Ministero dell’Interno D.L.C.I. Cittadinanza" le cui coordinate sono le seguenti:

 Codice IBAN: IT54D0760103200000000809020,

 a) bonifico estero - Codice BIC/SWIFT: BPPIITRRXXX;

 b) circuito EUROGIRO - Codice BIC/SWIFT:PIBPITRA. Poste Italiane -Viale Europa 175 – ROMA

 specificare nella causale : (richiesta cittadinanza ex art. 5 legge 91/92 + nome e cognome del richiedente)

Per la lista dei traduttori si invita a visitare il sito della Cancelleria Consolare in Bruxelles www.ambbruxelles.esteri.it - cliccare sulla voce SERVIZI CONSOLARI poi sulla voce Traduzione e Legalizzazione di documenti

(*)Per conoscere la forma di legalizzazione richiesta per tipologia di certificati, (Apostille o legalizzazione dell’autorità diplomatico/consolare italiana presente nel Paese di provenienza degli atti), consultare il documento reperibile nel seguente collegamento:

http://www.prefettura.it/FILES/docs/1173/DocumentiCittadinanza.pdf 

 

ATTENZIONE : anche le APOSTILLE devono essere tradotte in lingua italiana

Le informazioni sui Consolati e le Ambasciate italiane nel mondo sono disponibili sul sito www.esteri.it

Una volta compilata la domanda in via telematica ed inserita TUTTA la documentazione sopra indicata, il programma genererà un documento riepilogativo e la ricevuta di invio.

La Cancelleria Consolare sarà automaticamente informata della presentazione della domanda. Successivamente, il richiedente riceverà una convocazione da parte di questa cancelleria consolare al fine di depositare la documentazione in originale, già trasmessa per via telematica, nonché per l’autentica della firma da apporre sulla domanda di cittadinanza.

Informazioni sulla Cittadinanza - Cliccare qui


50