Questo sito usa cookie per fornirti un'esperienza migliore. Proseguendo la navigazione accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra OK

Viaggi verso l'Italia

 

Viaggi verso l'Italia

Le regole in vigore fino al 2 giugno

La regola generale per i viaggi verso l’Italia resta quella dell’assoluta urgenza (oltre ai motivi lavorativi e di salute), la cui verifica spetta esclusivamente alle Autorità nazionali di polizia; l’Ambasciata non è pertanto titolata a rilasciare autorizzazioni.

Viaggi in aereo
Gli addetti della compagnia aerea rileveranno la temperatura dei passeggeri e rifiuteranno l’imbarco a chi manifesti uno stato febbrile; la compagnia raccoglierà altresì il modulo di autocertificazione con i motivi del viaggio verso l’Italia.
Si precisa che il Belgio consente transiti dall’estero verso l’aeroporto di Zaventem in presenza di un biglietto con destinazione finale l’Italia o altro Paese.

Obbligo di quarantena
Chiunque faccia ingresso in Italia dall’estero è tenuto ad un periodo di isolamento fiduciario di 14 giorni, in raccordo con la ASL competente per il luogo di destinazione.

- esclusioni per viaggi brevi e transiti: in caso di ingresso per via aerea per una durata non superiore alle 72 ore (più eventuale proroga di 48 ore), in raccordo con la ASL competente per il luogo di atterraggio; tale deroga vale anche per i viaggi effettuati con mezzi privati ma solo per comprovare esigenze lavorative;

- esclusioni per motivi lavorativi: sono esenti i cittadini degli Stati membri UE, dell’area Schengen e del Regno Unito che si rechino in Italia in aereo per comprovate esigenze lavorative, il personale di imprese italiane che si rechi all’estero per esigenze lavorative di durata non superiore a 72 ore (più eventuale proroga di 48 ore), i funzionari ed agenti dell’Unione europea ed il personale del Corpo diplomatico e consolare, oltre al personale medico che si rechi in Italia per l’esercizio anche temporaneo delle professioni sanitarie.

Raggiungere la propria destinazione
Arrivati in Italia, la propria destinazione andrà raggiunta esclusivamente con mezzi propri o privati (sono permessi i voli interni), eventualmente facendosi venire a prendere in auto da una persona convivente; qualora ciò non fosse possibile, la Protezione Civile assegnerà un luogo dove svolgere l’isolamento con spese a carico delle persone interessate.

Per gli approfondimenti, e per i moduli di autocertificazione da consegnare al momento dell’imbarco e per circolare sul territorio nazionale si rimanda alla pagina "Rientro in Italia, risposte alle domande frequenti" del Ministero degli Esteri.

A partire dal 3 giugno

Non sarà più necessario giustificare viaggi da/verso Stati membri UE, dell’area Schengen e del Regno Unito e per i viaggiatori in arrivo da questi Paesi non vi sarà più obbligo di quarantena per chi entra/ritorna in Italia.


571